La verità sui padri fondatori dell’Unione Europea che ci vogliono tenere nascosta.

libro amodeo

“Tu sei uno schiavo. Come tutti gli altri sei nato in catene, sei nato in una prigione che non ha sbarre, che non ha mura, che non ha odore, una prigione per la tua mente. Nessuno di noi è in grado purtroppo di descrivere Matrix agli altri. Dovrai scoprire con i tuoi occhi che cos’è.
È la tua ultima occasione: se rinunci, non ne avrai altre. Pillola azzurra: fine della storia. Domani ti sveglierai in camera tua e crederai a quello che vorrai. Pillola rossa: resti nel paese delle meraviglie e vedrai quanto è profonda la tana del Bianconiglio. Ti sto offrendo solo la verità, ricordalo. Niente di più.”
Morpheus (Tratto dal film Matrix)

I Padri fondatori dell’Unione Europea

Jean Monnet:
Pillola azzurra: 1950, decise fosse venuto il momento di tentare un passo irreversibile verso l’unione dei paesi europei. Prepara, con alcuni collaboratori, il testo di quella che sarà la Dichiarazione Schuman dove per la prima volta verrà ufficialmente annunciato il progetto dell’Unione Europea. Nel 1952 Jean Monnet diventò il primo presidente dell’Alta Autorità della Comunità europea del carbone e dell’acciaio (ceca) giudicata il primo importante passo verso la comunità economica europea. Sognava un Europa dei popoli di pace e prosperità. Ha ricevuto il premio Carlo Magno nel 1953.
Pillola Rossa: La Ceca è il primo esempio di cessione di sovranità statali ad un ente sovranazionale che sfugge al controllo dei popoli e dei processi democratici e può essere considerato il primo passo del progetto franco/tedesco di Unione Europea, iniziato, da Shuman e Monnet e poi portato avanti da Mitterand e Kohl (saranno gli unici a ritirare il premio Carlo Magno insieme). E’palese che un progetto franco-tedesco preveda il dominio della Francia e della Germania sugli altri paesi europei fatta esclusione per l’Inghilterra che, come anticipato, appartiene ad un livello gerarchico superiore insieme agli USA. Nel corso del libro vedremo, infatti, la disparità di trattamento riservato dall’Unione Europea proprio alla Francia e alla Germania rispetto agli altri paesi dell’Unione.
Monnet sosteneva che: “Non ci sarà mai pace in Europa se gli stati si ricostituiranno su una base di sovranità nazionale”. Sono le prime avvisaglie di quello che poi si trasformerà in un vero e proprio attacco agli stati nazionali. E’Monnet ad aver redatto il “Victory Program” per l’America durante la seconda guerra mondiale dove si dice chiaramente che “L’America deve diventare l’arsenale della democrazia”. A questo punto la domanda è lecita: Non è strano che chi professa l’egemonia americana abbia parallelamente
contribuito a formare un’Unione Europea, che se fosse diventata davvero ricca, forte e democratica, avrebbe scardinato quell’egemonia stessa?
Secondo Frederich Fransen che a Monnet ha dedicato un importante saggio: “egli agì tutta la vita per limitare le sovranità nazionali”.
Per Monnet, infatti: “le nazioni europee dovrebbero essere guidate verso un superstato senza che le loro popolazioni si accorgano di quanto sta accadendo. Tale obiettivo potrà essere raggiunto attraverso passi successivi ognuno dei quali nascosto sotto una veste e
una finalità meramente economica”. A udire queste parole Charles De Gaulle disse che Monnet voleva creare delle “mostruosità sovranazionali”.
Nel saggio “Jean Monnet and the Democratic Deficit”, Kevin Featherstone dimostra che Monnet ha impostato il processo di integrazione europea su due principi: “Tecnocrazia ed elitismo”.
Anche l’Economist ha dedicato un bel dossier alla “fine di Monnet” incolpandolo del deficit di democrazia in Europa: “il funzionario francese credeva nell’unificazione graduale dell’Europa attraverso progetti diretti da una casta di tecnocrati”, scrive il settimanale inglese.
Monnet fu membro del Bilderberg. Il barone Robert Rothschild disse di lui: “per me non è un politico ne un pubblico ufficiale, ma una categoria a parte”.

Robert Schuman:
Pillola Azzurra: Presidente del Consiglio francese, fu ministro degli esteri ed è stato il primo presidente dell’Assemblea Parlamentare Europea. La Dichiarazione Schuman portò alla creazione della CECA e costituì il punto di partenza del processo di integrazione
europea che condusse poi alla formazione dell’Unione Europea.
Ha ricevuto il premio Carlo Magno nel 1958.
Pillola Rossa: E’ stato Presidente del Movimento Europeo, il movimento
creato da Retinger fondatore del Bilderberg e quasi interamente finanziato dalla Cia attraverso l’Acue.

Giscard D’Estaing:
Pillola Azzurra: E’stato Presidente Della Repubblica francese, ed ha presieduto la Convenzione Europea dalla quale poi è nata la Costituzione europea.
Pillola Rossa: La Costituzione Europea è stata bocciata nei paesi dov’è stata proposta con il referendum com’è’ avvenuto in Olanda e nella stessa Francia. Sarà poi il Trattato di Lisbona del 2007, reso illeggibile per ammissione degli stessi protagonisti, a riprendere
quasi totalmente le disposizioni della bocciata Costituzione e ad essere approvato in maniera ingannevole senza referendum.
E’ stato Presidente del Movimento Europeo, il movimento creato dal fondatore del Bilderberg e finanziato dalla Cia attraverso l’Acue.
Ha ricevuto il premio Carlo Magno nel 2003.

Altiero Spinelli:
Pillola azzurra: Era comunista. Contro il capitalismo.
Pillola rossa: Senza dubbio una persona onesta e per bene. Ma anche lui membro del Movimento Europeo; Membro del Bilderberg; Fondatore dell’Istituto Affari Internazionali (IAI), l’omologo italiano del CFR americano e del RIIA inglese; lo IAI ha infatti, organizzato diverse iniziative gemellando con la Chatham House.
La maggior parte dei membri del Comitato dello IAI, compreso il suo presidente, sono stati anche membri del Direttivo del Bilderberg, altri invece provenivano dalla Commissione Trilaterale. In pratica Spinelli si circondava da tutti personaggi che avevano ruoli rilevanti nelle organizzazioni del capitalismo speculativo.

Anche Alcide De Gasperi: è stato Presidente del Movimento Europeo
e membro del Bilderberg. Era presente alla prima riunione del 1954. Ha ricevuto il premio Carlo Magno nel 1952.

Etienne Davignon:
Pillola azzurra: È stato commissario europeo ed ha avuto un’influenza significativa sull’evoluzione dell’integrazione europea negli ultimi decenni. Nel gennaio 1977 Davignon entrò in carica come Commissario europeo per il mercato interno, l’unione doganale, e gli affari industriali nell’ambito della Commissione Jerkins. Nel gennaio 1981 Davignon venne confermato come Commissario europeo del Belgio e fece parte della Commissione Thorn come vicepresidente e Commissario per l’energia e gli affari industriali. Svolse l’incarico fino al gennaio 1985. Nel 1991 è stato nominato presidente dell’associazione per l’unione monetaria in Europa, attiva nella campagna per l’adozione di una moneta unica.
Pillola Rossa: E’ stato il Presidente del Gruppo Bilderberg. E’ stato il fondatore della European Roundtable of Industrialists; Presidente della lobby “Friends of Europe”. Confessò che la creazione dell’euro fu discussa al Bilderberg.

Walter Hallstein
Pillola Azzurra: E’ stato un politico tedesco e primo Presidente della Commissione Europea dal 1958 al 1967. Nel giugno 1951 il Cancelliere federale Konrad Adenauer nominò Hallstein Segretario di Stato e lo incaricò di guidare la delegazione tedesca ai
negoziati per la creazione della CECA. Nel 1957 firmò i Trattati di Roma per la creazione della Comunità Economica Europea e dell’Euratom. Hallstein sosteneva la visione di un’Europa federale con una Commissione forte. La sua visione si scontrò con quella del Presidente francese Charles De Gaulle orientato verso un’”Europe des États” (Europa degli stati), in cui i governi nazionali mantenessero ampi poteri.                                           Ha ricevuto il premio Carlo Magno nel 1961.
Pillola rossa: Fu un attivo membro del Gruppo Bilderberg. Presiedette il Movimento europeo negli anni in cui riceveva finanziamenti dalla Cia tramite l’Acue. Fu il giurista nazista che definì le leggi per sottomettere le nazioni europee conquistate da Hitler.

Jacques Attali:
Pillola Azzurra: Mitterand appena eletto Presidente della Repubblica in Francia nel 1981 nomina subito il suo braccio destro Attali “consigliere speciale”. Oltre a seguire in prima persona l’attività del presidente della Repubblica, il suo compito principale consiste nella preparazione dei vertici internazionali soprattutto per quanto riguarda l’Unione Europea. Ha avuto un ruolo da protagonista nel Trattato di Maastricht.
Pillola Rossa: E’ stato un membro attivo nel Bilderberg. Fu lui a dichiarare: “Abbiamo minuziosamente “dimenticato” di includere l’articolo per uscire da Maastricht (…) In primo luogo, tutti coloro, e io ho il privilegio di averne fatto parte, che hanno partecipato alla stesura delle prime bozze del Trattato di Maastricht, hanno, ci siamo incoraggiati a fare in modo che uscirne sia impossibile (…) Non è stato molto democratico, naturalmente, ma è stata un’ottima garanzia per rendere le cose più difficili, per costringerci ad andare avanti.”
“Cosa credeva la plebaglia europea che avessimo creato l’euro per loro.”

Jaques Delors:
Pillola Azzurra: Era un banchiere proveniente dalla Banca di Francia. E’ stato Presidente della Commissione Europea dal 1985 al 1995. È stato il primo e finora unico presidente della commissione a svolgere tre mandati. Durante il mandato di Delors venne istituito il mercato unico, venne riformata la politica agricola comune e furono firmati l’atto unico europeo, gli accordi di Schengen e soprattutto il Trattato di Maastricht che istituì l’Unione Europea e che fu firmato due anni dopo il suo “rapporto Delors” che ha rappresentato il vero punto di svolta nel processo di integrazione economica e monetaria perché proponeva di togliere agli stati la facoltà di emettere moneta e trasferirla con una moneta unica ad una banca centrale indipendente.                                                                           Ha ricevuto il premio Carlo Magno nel 1992.
Pillola rossa: Era membro del Bilderberg. Quattro mesi dopo aver partecipato alla riunione del Gruppo del 1992 (anno della firma del Trattato di Maastricht) tenne un discorso al Royal Institute Of International Affair (RIIA) (potente lobby mondialista) dal titolo: “L’Unione Europea e il nuovo ordine mondiale”.
Perchè nessuno ci ha mai raccontato quale erano le organizzazioni che muovevano i fili di questi uomini?
La risposta è semplice; se lo avessero fatto sarebbe divenuto chiaro a tutti, che quello che sta succedendo oggi in Europa, con il deficit di democrazia, le crisi economiche, la perdita di sovranità da parte dei popoli; e tutto quello che sta causando la moneta unica ed una banca centrale gestite unicamente dalle élite finanziarie, era assolutamente previsto. Era proprio questo lo scopo di chi ha finanziato l’unione Europea per i propri piani di dominio; di chi ha concepito le sue istituzioni così antidemocratiche; di chi le ha amministrate senza averne la legittimità; di chi ha preparato i trattati senza sottoporli ai popoli e di chi ha voluto per se la facoltà di creare la moneta unica sottraendo agli stati la ragione d’esistere per inchiodare i paesi all’austerità perenne. Quelli che hanno voluto tutto questo, provenivano tutti dalle medesime organizzazioni, erano tutti collegati tra di loro. Tutti con un unico obiettivo: sottrarre il potere ai popoli e metterlo nelle mani di una
ristretta oligarchia al fine di creare un nuovo ordine mondiale.

Tratto dal libro “La Matrix Europea” di Francesco Amodeo

Per acquistare libro scontato del 35%: http://www.francescoamodeo.net

Annunci

3 thoughts on “La verità sui padri fondatori dell’Unione Europea che ci vogliono tenere nascosta.

  1. Siamo tutti schiavi di questa politica marcia, costretti a pagare tasse inique che per l’80% servono a pagare il debito pubblico inesistente creato dal nulla dai banchieri massoni illuminati, perlopiu’, come riportano Gli studiosi in materia e la bibliografia, ebrei.

    Inviato da iPhone

    >

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...