La Commissione Trilaterale: Il nemico delle democrazie.

 

cove_iene_nuovo_ant

La Commissione Trilaterale

Tratto dal libro Azzannate le iene di Francesco Amodeo

“Oggi siamo di nuovo testimoni dell’emergere di una élite transnazionale [i cui] legami oltrepassano i confini nazionali. È probabile che tra non molto le élite della maggior parte dei paesi avanzati saranno estremamente internazionaliste o globaliste nello spirito e nelle pro- spettive. Lo stato-nazione sta gradualmente cedendo la sua sovranità.”                                                                              (Zbigniew Brzezinski, tra i fondatori della Commissione Trilaterale)

“Il vero obiettivo della Trilaterale è di esercitare una pressione politica concertata sui governi delle nazioni industrializzate, per portarle a sottomettersi alla loro strategia globale.”                                                                        (Jacques Bordiot)

Sono gli anni ’70, quando un gruppo di uomini potenti, americani, europei e giapponesi decidono che alla parola “politica” dovesse essere sostituita la parola “tecnocrazia”. È questo principio che scandisce la nascita della Commissione Trilaterale, un’organizzazione nata per rappresentare gli obiettivi dei potenti d’Europa, Giappone e America settentrionale, voluta da David Rockefeller, Henry Kissinger e Zbigniew Brzezinski nel 1973 per ridisegnare il futuro del mondo politico e non solo.                       Tutti uomini che avevano il potere di gestire le sorti dei governi. Rockefeller, infatti, è tra i più ricchi del mondo, capo della Chase Manhattan Bank; è anche azionista dei principali network di notizie, come la ABC, la CBS e la RCA (Radio Corporation of America). Insomma, controlla che tipo di informazione deve essere veicolata dalle televisioni e dai giornali. Kissinger, invece, nato da una famiglia ebraico-tedesca, fu consigliere per la Sicurezza Nazionale e Segretario di Stato degli Stati Uniti durante le presidenze di Richard Nixon e di Gerald Ford, ed è considerato uno dei più influenti consiglieri dei presidenti americani; mentre Brzezinski è stato consigliere per la Sicurezza Nazionale durante il mandato presidenziale di Jimmy Carter, ed è considerato uno dei maggiori esperti di politica internazionale ed un fermo sostenitore del totalitarismo, non solo inteso come controllo totale della politica, ma anche delle coscienze individuali e delle masse.                            La Commissione Trilaterale ha la struttura di un Parlamento globale, ma i membri non sono eletti da nessuno, sono solo invitati. Banchieri, politici, industriali, capi delle multinazionali, accademici ed editori importanti non hanno mai smesso di riunirsi una volta all’anno. Già alla fine degli anni ‘70 l’analisi della crisi globale da parte della Commissione Trilaterale imputava le cause alla troppa democrazia ed ai troppi poteri del Parlamento.                                  Sin dall’inizio il loro intento era quello di creare un nuovo ordine economi- co internazionale, e per riuscirci elaborarono il concetto di “tecnocrazia” come mezzo per controllare la società, sostituendolo sempre più al concetto di politica come dovrebbe essere inteso nelle nostre democrazie. Sono convinti che non ci sia più bisogno dello Stato, così come lo si è inteso per centinaia di anni, e quindi agiscono per poter eliminare il concetto di sovranità nazionale e di autodeterminazione degli Stati. All’interno di questa oligarchia della politica internazionale, le cui riunioni annuali si svolgono in varie città della triade, i temi vengono dibattuti in una discrezione che nessun media sembra voler disturbare, e quello che alle origini poteva sembrare solo la visione di una ristretta cerchia di super potenti, oggi si è trasformata in una realtà, con un sistema finanziario talmente interconnesso tra gli stati, che basta che una nazione vada in crisi per trascinare nel baratro tutte le altre.

La prima mossa che fece l’industria bancaria sotto l’amministrazione Clinton – ex membro della Commissione Trilaterale – fu riuscire ad ottenere l’aboli- zione del Glass-Steagall Act, la legge che dopo la forte crisi del 1929 regola- mentava il sistema bancario americano, e che vedeva da una parte le banche commerciali, con le attività commerciali tradizionali garantite dallo stato, e dall’altro lato le banche d’affari con attività speculative. Venne quindi lasciato al mercato l’incarico di regolare tutto, così che le banche di tutto il mondo si misero a fare ogni genere di cosa, dalla raccolta del risparmio alle speculazioni, acquisti e vendita di titoli di debito.        Nel 2012 per la prima volta due membri della Commissione Trilaterale sono diventati nello stesso momento i primi ministri di due nazioni in Europa: Mario Monti in Italia e Papademos in Grecia. Monti è stato il presidente europeo della Commissione Trilaterale con il compito di portare avanti le operazioni europee seguendo qualsiasi strategia politica delle Trilaterale, con o senza il consenso del popolo. Leggendo il rapporto della Trilaterale The crisis of democracy, si evince che i membri della Commissione sono convinti che l’eccessiva partecipazione democratica sia un male, e che i popoli vadano tenuti all’oscuro: infatti, la Commissione stessa è nata dalla volontà dichiarata proprio da David Rockefeller di superare quelli che lui definisce “lenti e farraginosi processi di discussione parlamentare”, e per stabilire processi decisionali che scavalchino le decisioni delle assemblee istituzionali.

“La popolazione, i governi e le economie di tutti i paesi devono soddi- sfare le necessità delle banche e delle imprese multinazionali”, frase del fondatore del CFR, Edward Mandell House                                                              (fonte: Between two ages: America’s role in the Technetronic Era)

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...