Amodeo in treno incalza Renzi sul Redemtion Fund. Lui scappa.

Il maratoneta Renzi

Renzi fugge davanti alla domanda sul Redemption Fund.         Premetto che aveva appena dedicato diversi minuti a rispondere alle domande di una donna che lo elogiava mentre io ho aspettato educatamente il mio turno con la promessa del suo assistente che lui mi avrebbe poi risposto. Ma quando mi sono presentato come blogger e non come giornalista dei media di regime e quando gli ho posto la domanda sul ERF, il nostro Presidente del Consiglio ha voltato le spalle senza motivo ed è scappato via.

Spieghiamo che cos’è l’European Redemption Found.

Cerchiamo di capire in poche parole di che si tratta, ricorrendo alla sintesi che ne ha fatto il giornalista Paolo Barnard.
L’idea del Redemption Fund è tedesca, e precisamente del Consiglio Tedesco di Esperti Economici, ed il documento che ne annuncia la nascita è ufficiale, perché è della Commissione Europea.
Scrive Barnard: “Ecco cosa sta per accadere: il 70% del debito pubblico italiano, (oggi più di 2 mila miliardi di euro) sarà trasferito a un fondo europeo comune, chiamato Redemption Fund (di seguitoRF), dove saranno convogliate anche tutte le eccedenze di debito pubblico degli altri Stati dell’Eurozona. Cioè: siccome il Trattato di Maastricht stabilisce che il debito pubblico degli Stati non deve essere superiore al 60% del PIL, tutto ciò che eccede questo limite nei debiti pubblici dei 17 Paesi dell’euro sarà trasferito in questo nuovo fondo.
Saranno quindi cifre immense, che diverranno a quel punto di proprietà del RF.
Attenzione: gli Stati dell’euro trasferiranno tutte le eccedenze di debito pubblico sopra al limite del 60% sul PIL al RF, ma saranno comunque tenuti a onorare la parte del debito trasferita (cioè a ripagare interessi e scadenze).
Ma qual è lo scopo di tutto questo? In teoria, a parole, uno scopo benefico: il RF dovrebbe aiutare tutti gli Stati, e soprattutto quelli più indebitati come Italia, Grecia, Portogallo.

Come? Vendendo i suoi titoli agli investitori per racimolare soldi. Con quei soldi i governi dell’Eurozona potranno finanziarsi ed onorare così il proprio debito pubblico trasferito nel RF.
E quale sarebbe il vantaggio di questo strano giochetto? Semplice: come spiega ancora Paolo Barnard, “siccome i titoli del RF saranno garantiti da tutti i 17 Paesi euro, essi saranno, agli occhi dei compratori, super sicuri, quindi gli interessi che il RF pagherà su di essi saranno molto bassi. Certamente più bassi degli interessi che Italia, Spagna, Grecia, Francia, Portogallo pagano oggi per finanziarsi coi propri titoli di Stato. E qui sta la parte vantaggiosa, cioè i 17 dell’euro si potranno finanziare e potranno finanziare i ri-pagamenti sul loro debito pubblico a tassi molto più bassi grazie a questi titoli RF.”
Quindi tutto bene, no?
NO!
Il documento della Commissione Europea che descrive questo meccanismo, infatti, specifica che l’adesione al progetto RF da parte degli Stati comporta condizioni severissime, e cioè programmi di tagli feroci alla spesa pubblica, agli stipendi, alle pensioni, all’occupazione, a tutti i servizi pubblici. La Commissione parla espressamente di “super potere d’intervento nei programmi di spesa dei governi”, in aggiunta ai poteri che già ha grazie al Fiscal Compact.
Può bastare ? Eh no, c’è di peggio.
La Germania, infatti, per garantire il ri-pagamento da parte degli Stati del suo debito, “propone” (= impone) che:
a) sia trattenuta a suo vantaggio una quota del già micidiale prelievo fiscale di oggi, oppure si introducano nuove tasse, specialmente aumenti dell’IVA;
b) gli Stati partecipanti promettano in pegno le loro riserve di moneta straniera e le loro riserve d’oro come garanzia sui ri-pagamenti.
Specifica ancora Barnard: “I primari trattati di Maastricht, il Fiscal Compact, il MES, l’Europact, cui si aggiungono le concessioni di spesa pubblica offerte il 3 luglio all’Italia dalla Commissione Europea e il futuro trattato per la nascita del Redemption Fund per i debiti pubblici dell’eurozona, tutti questi contengono la seguente clausola:
“a patto che il Paese aderente adotti stringenti misure di aggiustamento della spesa pubblica”;
cioè, la nazione che ha ratificato o che ratificherà quegli accordi, come l’italia, dovrà impegnarsi obbligatoriamente a:
a) tagliare la spesa pubblica in servizi, sanità, istruzione e infrastrutture;
b) tagliare i salari pubblici e le pensioni;
c) privatizzare tutto ciò che è rimasto pubblico, inclusa l’acqua e le infrastrutture vitali del paese;
d) licenziare fette d’impiego pubblico, anche fra gli impieghi vitali come insegnanti, vigili del fuoco, polizia e sanitari;
e) liberalizzare ogni settore dell’economia, anche quelli strategici per l’interesse pubblico;
f) ridurre al minimo il welfare e gli ammortizzatori sociali.”

link utili: http://www.informarexresistere.fr/2014/03/20/ecco-lultimo-mostro-targato-ue-il-debt-redemption-fund-mille-euro-allanno-per-persona-per-ventanni/

Annunci

6 thoughts on “Amodeo in treno incalza Renzi sul Redemtion Fund. Lui scappa.

  1. É una follia.il debito pubblico é impagabile…che lo paghi chi lo ha creato ,non noi poveri cittadini che sono anni che ci spremono come i limoni.

  2. Francesco, diventi sempre più un grande!?! Quando posso aiuto il CIPS purtroppo sono vittima della Malasanità (salvato in extremis da un mio ex collega di lavoro adesso finalmente recupero più in fretta ma ancora tanto manca), ci siamo sentiti una volta per telefono e mi sto veramente impegnando nel divulgare la controinformazione. Gli animi si stanno risvegliando e con le giuste indicazioni possono canalizzare le loro risorse nella giusta direzione. Penso a mia moglie e a mio figlio e la forza emerge sempre di più!!!! Che il destino protegga gli onesti e apra loro le menti, come “Azzannate le Iene” ha aperto la mia.

  3. Pingback: Trading Titoli di Stato "volume VI" (Gennaio 2014-Dicembre 2014) - Pagina 352 - I Forum di Investireoggi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...